Riserva Regionale del Lago di Penne

 

 

Si estende per 150 ettari nel territorio comunale di Penne, antica citta vestina dove la storia e l'arte si fondono con la natura circostante. Il lago di Penne  si trova tra il Gran Sasso e la Majella. e un lago artificiale costruito nel restringimento della valle del Fiume Tavo ed e uno dei pochi in Abruzzo ad offrire un ambiente ideale ad ospitare uccelli acquatici. La riserva e gestita da un comitato che comprende il comune di Penne, il Consorzio della Bonifica Vestina ed il WWF Italia che ha delegato la gestione ordinaria alla cooperativa Cogecstre. Tra le attrezzature della Riserva si ricordano un Centro di educazione ambientale nel quale si organizzano campi studi per i ragazzi, un sentiero natura con capanni d'osservazione dell'avifauna, un Centro per gli animali feriti, un laboratorio artigianale e un orto botanico. Nel Museo naturalistico, dotato di tutte le strutture necessarie ad illustrare la natura e l'ambiente del lago, un grande diorama rappresenta la campagna ed il Fiume Tavo negli anni '50 mentre due acquari ricostruiscono l'ambiente faunistico del fiume e del lago. Il lago di Penne si trova nell'ambiente collinare dei querceti. La Roverella, il Carpino nero, l'Orniello e l'Acero campestre sono i testimoni degli antichi boschi. Le sponde del fiume sono occupate dai Salici, quelle del lago anche dai Pioppi. La vegetazione sommersa comprende le Alghe verdi, il Sedano d'acqua ed il Crescione. Una fauna abbondante vive nel lago e nelle sue vicinanze. Le specie ittiche sono 11: Anguilla, Trota di fiume e Trota iridea, Luccio persico, Carpa, Triotto, Cavedano, Tinca, Barbo e Carassio. Delle 160 specie di uccelli, 41 sono stazionarie, 31 nidificanti ed 88 migratrici. Il Riccio, la Talpa, la Volpe, il Tasso, la Donnola e la Faina occupano l'habitat intorno al lago.

Simbolo della Riserva e la Nitticora, un airone che giunge in primavera in Italia e riparte alla fine dell'estate per svernare nell'Africa equatoriale. E stato realizzato un centro di riproduzione della Lontra. Le visite alla riserva sono guidate e vanno prenotate presso la Direzione.