Riserva Naturale Regionale delle Sorgenti del Pescara

 

 

La riserva e’ stata istituita per tutelare le acque sorgive del bacino di Capo Pescara nei pressi di Popoli. Sull'area di 49 ettari nata nel 1986 la diversita’ degli ambienti riscontrabili offre numerose possibilita’ di studio e di osservazione. La parte di maggiore dimensione e’ costituita da un ampio bacino dove non e’ facile trovare il confine netto tra terra ed acqua e dal quale nasce il tratto fluviale. Nelle acque a decorso lento si trovano la Brasca della laguna, il Ceratofillo sommerso e la Peste d'acqua. Negli ambienti piu’ palustri vivono la Lenticchia d'acqua spatolata e l'Erba vescica, ma la piu’ diffusa e’ la Cannuccia di palude. Sulle sponde si osservano la Tifa maggiore e il Carice di sponda e, in aprile-maggio, fiorisce il Giaggiolo acquatico. Fanno cornice al bacino i Salici bianchi ed i Pioppi neri. Tra gli arbusti sono diffusi  il Sambuco nero e la Rosa selvatica. Nel canneto nidificano il Porciglione, la Gallinella d'acqua e la Folaga, simbolo della riserva. Nel periodo delle migrazioni si vedono la Marzaiola, il Fischione ed il Codone. Presenti anche l'Airone cenerino e il raro Airone rosso. Alle specie piu’ comuni di uccelli si aggiunge la presenza del Falco pescatore, della Cicogna bianca e del Gufo di palude. Tra gli anfibi si trovano la Salamandra appenninica e il Tritone italiano; tra i rettili il Biacco e l'Orbettino. La fauna ittica e’ dominata dalla Trota fario alla quale si aggiungono la Lampreda di ruscello ed il Gambero di fiume. Molte le infrastrutture per l'accoglienza dei visitatori: un parcheggio collegato col punto informazione; un'area di sosta; un sentiero didattico; postazioni di avvistamento per gli uccelli. La visita e' interessante tutto l'anno.