Riserva Naturale Regionale Valle dell'Orta

 

 

La riserva, nata nel 1989 e oggi compresa nel Parco Nazionale della Maiella,  si estende su un'area di 378 ettari dagli interessanti aspetti naturalistici e storico-archeologici sul territorio dei comuni di Bolognano, al quale e’ affidata la gestione, e San Valentino in Abruzzo Citeriore, entrambi in provincia di Pescara. Nella zona tutelata si aprono numerose grotte, fra cui la Grotta dei Piccioni e la Grotta Scura, che hanno restituito tracce di antichi insediamenti umani. Le tre specie arboree dominanti sono il Pino nero, il Pino d'Aleppo e il Cipresso, ma l'esperto di botanica potra’ ammirare rare entita’ floristiche come la Coronilla valentina, la Campanula fragilis e le numerose specie di orchidee. Anche la fauna e’ molto ricca. Tra gli anfibi si segnalano l'Ululone dal ventre giallo ed il Rospo smeraldino e tra i rettili il Colubro di Esculapio ed il Cervone. Numerosi gli uccelli. Tra questi il Rondone maggiore e’ stato scelto come simbolo della riserva. Degna di nota la presenza della Lontra nelle acque del Fiume Orta. I periodi migliori per la visita sono la primavera e l'autunno.